DROGA. SEQUESTRI E ARRESTI A GIOIA TAURO, BISIGNANO E CROTONE

Quattro diverse operazioni antidroga nelle ultime ore in Calabria.

Al porto di Gioia Tauro sono stati sequestrati 6 quintali e mezzo di cocaina purissima; a Bisignano, nel cosentino, lo spaccio di marijuana avveniva in un bar mentre a Crotone sono stati arrestati due spacciatori.

SEQUESTRO AL PORTO DI GIOIA TAURO

I militari della Guardia di Finanza ed i funzionari doganali hanno sequestrato 650 chili di cocaina purissima al porto di Gioia Tauro. La droga era nascosta in un container carico di banane proveniente dal Sudamerica diretto al porto greco di Salonicco ed è stata individuata grazie all’uso di sofisticati scanner. La sostanza stupefacente sul mercato avrebbe fruttato alla criminalità un introito di circa 200 milioni di euro.  Gli atti sono stati inviati alla Procura presso il Tribunale di Palmi che ha assunto la direzione delle indagini preliminari.

SPACCIO IN UN BAR A BISIGNANO

Spacciava droga nel suo bar, nel centro urbano di Bisignano, nel cosentino. I carabinieri hanno arrestato un 27enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il controllo ha avuto origine dal continuo via vai di giovani nel locale che aveva insospettito da tempo i militari della locale stazione. Perquisendo il locale hanno trovato circa 600 grammi di marijuana e materiale per confezionare le dosi. Il giovane è stato posto ai domiciliari.

ARRESTI A CROTONE

Due arresti a Crotone per reati in materia di stupefacenti. Il primo è stato notato mentre camminava a passo svelto nel quartiere Fondo Gesù, ma appena si è accorto della Polizia si è dato alla fuga disfacendosi di alcuni involucri che sono stati recuperati. Contenevano 20 grammi di cocaina suddivisa in altrettante dosi. Il secondo arrestato è stato fermato in macchina sulla Statale 106. Aveva 2 kg di marijuana in un sacco e 10 grammi addosso. Entrambi gli arrestati sono stati sottoposti alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di dimora.

Rispondi