RADIOTERAPIA ONCOLOGICA. CALABRIA NON HA SPESO 9 MLN DI EURO STANZIATI NEL 2018

La Calabria è tra le regioni del Mezzogiorno a non aver ancora speso i fondi della delibera Cipe 32 del marzo 2018 che prevede un finanziamento pari a 100 milioni di euro per la riqualificazione e l’ammodernamento tecnologico dei servizi di radioterapia oncologica di ultima generazione.

Le regioni interessate al finanziamento avrebbero dovuto presentare al Ministero della Salute, entro 180 giorni dalla pubblicazione, uno specifico programma di utilizzo delle risorse assegnate, che per la Calabria ammontavano a 9 milioni e 400 mila euro, 3 dei quali assegnati al solo hub ospedaliero di Reggio Calabria.

Una procedura che né l’ex Commissario per la Sanità, Saverio Cotticelli, prima, né Guido Longo, suo successore, avrebbero mai avviato. Con la legge finanziaria 2022, lo Stato ha adesso affidato l’utilizzo di questi fondi alle Regioni ed ha affidato al Commissario ad Acta della Sanità in Calabria Roberto Occhiuto “l’attuazione degli programmi sottoscritti con il Ministero della salute”.

Un finanziamento che una volta acquisito avrebbe consentito anche per gli ospedali della Calabria, ed in particolare i Centri di radioterapia oncologica degli ospedali hub di Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria, di potenziare e rinnovare le strumentazioni di cui dispongono.

Gli acceleratori nucleari di cui sono dotati, dal 2017, i reparti di radioterapia oncologica della Calabria, hanno consentito di trattare oltre 10mila persone, ma nonostante questo resta ancora lunga la lista d’attesa per molti pazienti, che spesso sono costretti, per l’urgenza delle cure di cui necessitano, a rivolgersi a strutture sanitarie di altre regioni, con i costi che ne derivano sia in termini personali che collettivi a causa della conseguente emigrazione sanitaria.

La presenza di nuovi acceleratori di seconda generazione consentirebbe quanto meno di raddoppiare e rendere più efficiente ed economicamente sostenibile l’intero sistema della radioterapia oncologica della Calabria.

Rispondi