'Sangue infetto' all'Annunziata: due condanne

01/02/2018

 

Il Tribunale di Cosenza ha condannato a due anni di reclusione il medico Marcello Bossio nell’inchiesta “sangue infetto” scaturita dalla morte di Cesare Ruffolo, il pensionato 79enne di Rende morto a luglio del 2013 dopo una trasfusione all’ospedale Annunziata di Cosenza con una sacca di sangue contaminata da un batterio letale. Bossio, all’epoca dei fatti primario del reparto di Immunoematologia, è accusato di omissione di atti di ufficio e insieme a Osvaldo Perfetti, direttore medico dell’Azienda ospedaliera “Annunziata” di Cosenza,condannato a sette mesi Osvaldo Perfetti. Per entrambi pena sospesa, interdizione temporanea dai pubblici uffici per sei mesi e non menzione nel certificato del casellario giudiziale. Assolto Luigi Rizzuto, dirigente medico nello stesso ospedale, accusato di omicidio colposo e lesioni personali colpose gravi nei confronti di Francesco Salvo, un altro paziente di 37 anni sottoposto a trasfusione poi rivelatasi infetta che però riuscì a sopravvivere.

Please reload

Scarica la nostra app

1/1
SEGUICI SU FACEBOOK
Seguici su facebook
Cerca nel sito

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

© 2018 - Tutti i diritti riservati | GruppoAzzurra - Powered by Dreamart ADV