In fiamme ecomostro di Brancaleone assegnato all'Agenzia per i beni confiscati alle mafie

14/08/2019

 

E' andato in fiamme a Brancaleone, sulla costa ionica reggina, il cantiere-deposito del complesso turistico "Gioiello del Mare" sequestro dal 2014 e da poco assegnato all'Agenzia per i beni confiscati alle mafie. Lo rende noto Legambiente che della struttura "aveva parlato nei suoi report MareMonstrum ed Ecomafia denunciando - riporta un comunicato - lo scempio ecologico e urbanistico prodotto dalla costruzione dei residence". "Il nostro auspicio – conclude Legambiente - è che si agisca diversamente per tutti gli altri complessi edilizi che vanno a deturpare il territorio prima di arrivare a creare situazioni simili all'incendio che ha interessato il complesso di Brancaleone, un ecomostro costruito su un'area di straordinario valore ambientale scelta come luogo di nidificazione dalle tartarughe marine".

Please reload

Scarica la nostra app

1/1
SEGUICI SU FACEBOOK
Seguici su facebook
Cerca nel sito

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

© 2018 - Tutti i diritti riservati | GruppoAzzurra - Powered by Dreamart ADV