'Ndrangheta in Emilia. Sequestrati beni per 9 milioni di euro ad imprenditori legati alla cosca Grande Aracri di Cutro

20/11/2019

 I carabinieri hanno sequestrato nelle Province di Reggio Emilia, Parma e Crotone beni per un valore di 9 milioni di euro ai fratelli Antonio Muto e Cesare Muto, imprenditori attivi nel settore della logistica e trasporti, dei quali è stata confermata l’appartenenza al sodalizio ‘ndranghetistico emiliano, storicamente legato alla cosca Grande Aracari di Cutro. Antonio è detenuto poiché condannato in primo grado nell’ambito del processo Aemilia per associazione di tipo mafioso, truffa ed estorsione, tutti reati aggravati dalla finalità mafiosa. Le indagini hanno evidenziato come i fratelli Muto, nel 2012, avessero attribuito fittiziamente la titolarità delle loro società a soggetti diversi e, nel 2013, dopo essere stati colpiti da interdittiva antimafia, avessero anche costituito la società operativa Nella commercializzazione degli inerti e dei trasporti, intestandone le quote a Salvatore Nicola Pangalli.

Please reload

Scarica la nostra app

1/1
SEGUICI SU FACEBOOK
Seguici su facebook
Cerca nel sito

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

© 2018 - Tutti i diritti riservati | GruppoAzzurra - Powered by Dreamart ADV