Oliva chiede digiuno e penitenza a San Luca: “Il credente s’inchina solo a Dio”

“Inchinarsi al potere umano, e ancor più al potere mafioso, rende schiavi ed uccide la speranza. Torniamo al Signore con una fede autentica che non scende a compromessi col male”. Sono queste le parole usate dal vescovo di Locri-Gerace, mons. Francesco Oliva, in una lettera alla comunità di San Luca chiedendo di dedicare una giornata di penitenza e digiuno per il 21 giugno prossimo. “A voi tutti – conclude la lettera – chiedo un sussulto di umanità ed una conversione sincera alla vera fede. Il credente ‘s’inchina’ solo a Dio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *