CETRARO. PREGIUDICATO GAMBIZZATO: SINDACO MOBILITA GOVERNO, CITTA’ E SCUOLA

Un uomo di 45 anni, Roberto Di Profio, è rimasto ferito in un agguato a colpi di pistola avvenuto la scorsa notte a Cetraro, in provincia di Cosenza.

La vittima, che ha precedenti di polizia, si trovava nei pressi della sua abitazione quando una persona, con il volto coperto da un passamontagna, gli ha sparato agli arti inferiori.

Il ferito è stato trasportato d’urgenza all’ospedale “Annunziata” di Cosenza ma non è in pericolo di vita.

Indagano i carabinieri della Compagnia di Paola.

Il sindaco di Cetraro, Ermanno Cennamo, ha informato il Prefetto sulla necessità di promuovere iniziative di contrasto al fenomeno malavitoso e, insieme ai sindaci del territorio, chiederà al Ministro dell’Interno di attivare sul territorio la Tenenza dei carabinieri.

IL POST DEL SINDACO DI CETRARO

Dopo l’ennesimo atto delinquenziale che ha colpito la nostra città, ho inteso convocare d’urgenza la Giunta Comunale, investire i capi gruppo consiliari tramite il Presidente Giovanni Rossi ed informare il Prefetto di Cosenza sulla necessità di promuovere iniziative mirate volte a colpire il fenomeno malavitoso, che in questa fase ha assunto proporzioni allarmanti.

È il tempo per tutta la comunità cetrarese di fare fronte comune e di isolare quanti minano la sicurezza dei cittadini.

Ho chiesto già ai sindaci del territorio di promuovere un incontro con il Ministro degli Interni per riproporre l’urgente necessità di attivare la Tenenza dei Carabinieri, già ultimata da anni.

Ho chiesto ai deputati calabresi ed al senatore Ernesto Magorno di sostenere questa iniziativa.

Su preciso mandato della giunta ho trasmesso tutti gli atti sinora prodotti al Presidente della commissione regionale anti ‘ndrangheta.

È nostro intendimento confrontarci con l’associazione Libera e con tutte le associazioni, con le parrocchie, forze politiche e sociali interessate a costruire un baluardo contro la criminalità.

Ci recheremo nelle scuole per approfondire le strategie formative da adottare per diffondere e potenziare la cultura della legalità.

 

Rispondi